Le fotografie di Richard Tuschman ricreano i dipinti memorabili del divino Hopper

Edward Hopper è un mostro monumentale della pittura americana del 900; i suoi quadri raffigurano strade di città, interni di case, uffici, teatri, locali, bar e alberghi.

Luci fredde e sintetiche, velatamente metafisiche, fanno apparire i suoi personaggi come attori o manichini che interpretano in modo neutrale e cedevole la loro esistenza.

Sono così asciutti di emotività e equidistanti di sentimenti, che più che dipinti, sembrano frame di film noir dal sapore malinconico e rétro.

Richard Tuschman, ispirandosi alle sue opere,  ha creato una bellissima serie fotografica, marcando il senso di pacatezza, nostalgia e rassegnazione dei suoi peculiari personaggi, radunati in habitat civilizzati e attraversati da bagliori contemplativi.

(http://richardtuschman.com/)

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...